domenica 29 maggio 2011

M A R E O

 morea 
 oream 
 reamo 
 eamor 
 eroma 
 romae 
 omaer 
 maero 
 aerom 
 amero 
 meroa 
 eroam 
 roame 
 oamer 
 arome 
 romea 
 omear 
 mearo 
 earom 
 aremo 
 remoa 
 emoar 
 moare 
 oarem 
 emora 
 morae 
 oraem 
 raemo 
 emaro 
 maroe 
 aroem 
 roema 
 oemar 
 omare 
 mareo 
 areom 
 reoma 
 eomar 
 omera 
 merao 
 eraom 

giovedì 26 maggio 2011

TPO

martedì 24 maggio 2011

R A E O M

Fidanzarsi con Satana non è mai una buona idea.

lunedì 23 maggio 2011

NUOVE2


giovedì 19 maggio 2011

NovaPorta


lunedì 16 maggio 2011

AH-UM MILANO JAZZ FESTIVAL


L'AH-UM MILANO JAZZ FESTIVAL, edizione 2011, ringrazia tutti coloro che
 hanno partecipato al Kind Of Blue Poster Art Contest
 e che, con le loro opere, hanno dato al tema un'interpretazione personale
originale e creativa.
 In una prima (difficile) selezione, la giuria ha individuato 32 opere, che
 saranno pubblicate poco prima dell'inizio del festival sul sito
 www.ahumjazzfestival.com: è stata appositamente creata una sezione contest
completa di photo gallery.
 Anche l'account FaceBook del festival (Ah-Um Jazz Festival) darà spazio ai
 32 artisti e ai loro lavori.
 Scoprirete on line se siete parte di questo gruppo!
 Una seconda selezione ha scelto invece, nel gruppo dei 32 artisti, 9 opere,
 che sono state pubblicate sul materiale promozionale del
 festival, un mini magazine di 16 pagine stampato in 10.000 copie e
 distribuito nei luoghi significativi della città.
 I 9 VINCITORI, le cui opere sono state pubblicate sul minibook di Ah-Um Jazz
 Festival, sono:
 AKA B
 ANTONIA BONETTI
 GABRIELE BUGATTI
 DOMENICO LOMBARDO
 MAURO MODIN
 PIETRO PUCCIO
 IRENE RINALDI
 VANIA ELETTRA TAM
 OMER TDK
 Speriamo vivamente di incontrarvi giovedì sera presso The Don Gallery
 Grazie a tutti!
 Uff. Stampa
AH-UM JAZZ FESTIVAL
ore 21.30 - The Don Gallery, via Cola Montano 15 – tel. 0222220128
NEW NIDO QUINTET

giovedì 12 maggio 2011

IL PARADISO DELLE TROTTOLE

lunedì 9 maggio 2011

5YNCHRONICITY








lunedì 2 maggio 2011

DOPPELGäNGER@COMBINES XL

Vernissage 5 maggio 2011 dalle 18.30 alle 22.00

Bi-personale di 2501 + AKAB

Doppleganger

Più che una mostra un incidente; un taglio che divide in due parti il vostro sguardo, da un lato il figurativo ferale di Akab, dall’altro l’onirismo psichedelico di 2501. Due modi di pensare il segno a confronto, un viaggio nell’assimmetria e nel doppio. Una mostra Doppleganger che assumerà la forma del vostro inconscio....qualunque esso sia.

l doppleganger è l’immagine spettrale, il doppio in cui specchiarsi porta la morte: il proprio simmetrico irreale. Nella storia dell’uomo il mito del doppleganger trae la sua origine nelle religioni semitiche in cui all’idolo, è attribuito il peccato più nefasto: l’idolatria. Adorare un’immagine è impuro, perché significa attribuire ad un oggetto la dimensione del reale, alla figura il valore della persona, all’animale quello del dio. Il doppleganger è così un’immagine che non ha la consistenza della realtà, a cui avvicinarsi, e credere nella sua realtà porta inevitabilmente alla morte. E cos’è l’arte se non un doppio del suo artista?  Cosa sono le opere contenute in questa mostra, se non tanti dopplegnanger? Sono oggetti che riproducono uno dei mondi del loro creatore, il cui contatto con l’artista è stato, almeno emotivamente, mortale. Non a caso non coesistono mai l’autore e la sua opera; l’una si nutre delle energie vitali dell’altro; una vive in un confine immateriale e intangibile, ma del suo demiurgo continua a mantenere le fattezze ( seppure interiori), l’artista poi non ne sa spiegare, se non sommariamente la genesi o lo scopo. Non esiste arte razionale e pianificata, perché l’arte è un’immagine intangibile di un universo personale; con l’arte non si entra in contatto reale, si ci limita a quello figurale, all’idolatria.



Doppleganger



Il doppleganger  è l’immagine non reale, l’unico sdoppiato da cui la lontananza mantiene in vita: un asimmetrico sostanziale. Il doppleganger nasce nel mondo romantico come anelito di unicità eroica a cui la massa sembra opporsi come nemico. La leggenda vuole che anche il poeta Shelley incontrando il proprio doppio venisse condotto alla morte; anzi gli bastò che il suo doppio gli comparisse in sogno. Il doppleganger è così un’immagine che non ha la consistenza dell’originale, a cui avvicinarsi porta alla morte dell’Uno di partenza, perché esso stesso non si può più identificare come unico . E cos’è l’arte se non un doppio del suo artista?  Cosa sono le opere contenute in questa mostra, se non tanti doppleganger? E allora può sopravvivere un artista all’incontro con il suo doppio, come sopravvivere al proprio doppleganger? Semplicemente artista e opera non coesistono, si sfiorano, sembra che l’uno non rispecchi più l’altra. L’autore non riesce più a dare ragione del suo segno, non se ne capacita. L’opera dal canto suo invece sembra trasformarsi in un doppio benefico, portando in luce scaglie profonde dell’esistenza del suo creatore, a lui sconosciute. Viene così a donargli una seconda vita, un’individualità rafforzata. Non esiste arte razionale e pianificata, perché l’arte è un’immagine intangibile di un universo personale; con l’arte non si entra in contatto con il molteplice, si incontra una persona, un individuo: un’unicità.





Doppelganger

Dal 5 maggio 2011 al 16 giugno 2011

@COMBINES XL

Via Montevideo 9



Orari mostra:

Lunedì 15.15-19.15

Dal martedì al sabato 11.00-14.30 / 16-19.30



Info: info@combines.it

www.combines.it/blog

^